Integratori di testosterone ideali per la perdita di peso: quali soni i migliori?

È ormai ampiamente accettato il fatto che la perdita di peso può essere raggiunta attraverso l’uso della chirurgia bariatrica, ma rimane ancora la questione se la terapia con testosterone è necessaria per questo processo. Dopo tutto, molti degli stessi nutrienti e altri aspetti della chirurgia bariatrica sono anche richiesti dal corpo per riparare le cellule e far crescere i tessuti dopo la perdita di peso. Tuttavia, nonostante il fatto che molti chirurghi dell’obesità raccomandano la terapia con testosterone per gli uomini obesi in combinazione con la chirurgia bariatrica, ci sono prove scientifiche molto limitate per sostenere questa teoria. Per questo motivo, molti centri geriatrici non incoraggiano questa pratica, ma forniscono ai pazienti servizi di consulenza e supporto per aiutarli a lavorare verso uno stile di vita sano.

Tuttavia, ci sono state alcune eccezioni a questa regola, in particolare per quanto riguarda l’uso di anestetici e sedativi. In un caso, un anestesista ha eseguito una terapia ormonale sostitutiva iniettando livelli di testosterone nel paziente prima della procedura. Mentre non è chiaro per quanto tempo questi livelli sarebbero rimasti durante la procedura, è chiaro che i livelli si sono dissipati rapidamente ed erano in quantità minima quando il paziente ha finito. Non ci sono stati effetti collaterali gravi o a lungo termine come risultato di questa procedura, e il paziente ha sperimentato disagio minimo o effetti avversi.

Come si può ben vedere, ci sono pochissime prove scientifiche che sono a sostegno dell’uso del testosterone per la perdita di peso o per qualsiasi altro scopo. D’altra parte, un certo numero di ricercatori e professionisti ritengono che il testosterone abbia una certa utilità quando si tratta di migliorare la densità ossea e la massa muscolare e diminuire i livelli di grasso. Infatti, gli studi hanno dimostrato che bassi livelli di testosterone sono responsabili di una serie di condizioni tra cui intestino irritabile e cancro alla prostata. In aggiunta a questo, gli studi hanno indicato che la terapia sostitutiva del testosterone può aiutare a migliorare i sintomi associati a una serie di malattie legate all’età, tra cui l’osteoporosi e la malattia di Alzheimer. Come si può ben vedere, quindi, quando viene attentamente soppesata ad alcuni effetti collaterali, sembra che la terapia testosterone può essere utile per alcuni pazienti, ma dovrebbe essere utilizzato con molta cautela.

Clicca qui per studiare l’argomento su questo sito internet specifico sull’argomento stesso